19 aprile 2007

Il mio lavoro




Ormai sono quasi tre mesi lavoro qui al Comune di Pomezia, ormai sono dentro alla maccchina amministrativa e posso quindi cominciare a fare un bilancio su questo mio ultimo cambio di lavoro.

Come tutti i lavori, da prima c'è stato un naturale periodo di avviamento, in cui le cose andavano un po' a rilento e gli altri uffici, gli assessorati, gli assessori e il Sindaco si sono dovuti "abituare" alla mia posizione e al nascente Ufficio Comunicazione.

Ora le cose sembrano andare via lisce come il cacio su maccheroni, tutti sanno che esisto e mi arrivano nuovi input e nuovi lavori ogni giorno, c'è sempre qualcosa da fare, un iniziativa da pubblicizzare, un convengo, una conferenza stampa, un innaugurazione ecc. ecc.

Molti amici mi chiedono, "ma com'è questo lavoro? ti piace? Sei Soddisfatto?" devo dire di SI! MI PIACE IL MIO NUOVO LAVORO!
Sarà per il fatto che il ritmo non è da azienda il cui profitto viene prima del lavoro e quindi ho il tempo di fare le cose con la calma e il tempo necessario per farle fatte bene. Prima del mio arrivo i manifesti del Comune venivano letteralmente fatti via telefono, vale a dire che il Comune chiamava la tipografia e gli dettava un testo X per la manifestazione Y e la tipografia lo meteva sul solito fondo bianco con il solito banalissimo font.

Nelle ultime settimane ho anche faticato a far capire alla tipografia che gli avrei mandato io un PDF e che addirittura veniva generato da un Mac, con grande stupore del tipografo che doveva solo mandare in stampa il materiale.
Inoltre data la mia innata natura di "impiccione" mi infilo in tutta una serie di progetti paralleli al mio Ufficio e cerco per quanto possibile di parteciparvi e di dare il mio contributo (sembra anche molto apprezzato), mi è permetto di proporre idee e invenzioni varie che riguardano la Comunicazione.

Sono molto soddisfatto del mio cambio di lavoro, anche perchè dove stavo prima ero giunto ad un punto di stallo, la situazione era cristallizata, volendo, potevo andare avanti anche per mesi, forse degli anni senza mai crescere veramente, sperimentare nuove cose, proporre idee e relazionarmi con clienti creativamente, il mio compito era quello di sfornare materiale a getto continuo seguendo le "istruzioni" che mi venivano date, ovvio che alla lunga uno si scoccia e se ha la possibilità di cambiare aria lo fa'. Ovvio che poi si lavorava più o meno tranquillamente e si stava pure bene con gli amici/colleghi (che un po' mi mancano), ma non poteva bastare e OGGI sono contento di aver cambiato.

Aggiungo qui i manifesti che ho realizzato per le prossime festività nazionali (25 Aprile e Primo Maggio) e Locali (Natale di Pomezia).
Inoltre sto lavorando dall'interno del Comune ad un progetto a cui tengo MOLTO e di cui spero presto potrò dirvi di più.