09 dicembre 2009

Il futuro del clima (per tacere del pianeta)



Se ne è parlato molto nei giorni scorsi, è stata forse la campagna pubblicitaria di cui si è chiacchierato di più. Lanciata da Greenpeace nell'aereoporto di Copenhagen in occasione del quindicesimo vertice sul clima che si tiene in questi giorni nella città danese. La campagna ritrae i maggiori capi di stato (Nicolas Sarkozy (France), Gordon Brown, (UK), Stephen Harper (Canada) and Luiz Inacio Lula da Silva (Brazil) ecc.), perlomeno quelli che contano davvero, invecchiati di dieci anni che chiedono scusa per non aver fermato il disastro climatico quando potevano.

Purtroppo la realtà supera la fantasia e durante il vertice di questi giorni si è parlato di date come il 2050 per ridurre gli effetti dell'inquinamento, dei gas serra ecc. quindi a conti fatti le idee dei potenti della terra vanno ben oltre i dieci anni ipotizzati dalla campagna pubblicitaria di Greenpeace!